Me lo racconta al telefono l’operatrice del luogo neutro dopo l’incontro burrascoso con la sorella. “Paoling”, dice, “appena arrivata, prima di parlarmi della sua vita in Francia, delle cose che ha fatto e dei suoi nuovi amici, mi ha detto Hanno firmato! Oggi la mamma e il papà hanno firmato per chiedere di adottarmi”.

Abbiamo firmato. Il giudice ci ha convocati mentre esaminava l’ennesima proroga dell’affido e ci ha chiesto cosa pensassimo dell’adozione per motivi speciali. E poi ci ha consigliato di presentare, subito, la domanda. E noi l’abbiamo fatto, d’accordo con i Servizi Sociali.

E abbiamo telefonato a Paoling, che aspettava di sapere cosa volesse il giudice e dal giorno prima friggeva di impazienza. E lei è esplosa di gioia.

E’ vero che questa esperienza non è più un affido da tempo, anche se nell’affido ci credo e continuo a crederci molto.

Adesso vedremo che succederà, per noi nel concreto adesso cambia poco, aspettiamo. Per lei però la portata simbolica di questa “firma” è enorme.

E per noi tre il 23 ottobre sarà sempre il giorno della firma, quello in cui io e il Principe ci siamo fatti il selfie davanti al tribunale per mandarlo a lei appena sveglia, e in cui lui ha girato tutto il pomeriggio per comprare una torta con i nostri nomi e degli orecchini nuovi per lei, e in cui insieme ai nostri amici abbiamo festeggiato. Festeggiato in realtà non questo semplice giorno, ma tutti quelli prima, la capacità di questa grande bambina di lasciarsi dietro la paura, la sfiducia negli adulti e nel mondo, di lasciar brillare la sua grandissima luce, di amare la vita e anche le sorprese, e tutti i giorni che verranno ancora.

Annunci

Una giornata normale nel nord della Francia a metà settembre, aria fresca, un sole timido che va e viene, io che come sempre dipingo qualcosa per sistemare la casa, una telefonata di lavoro con appuntamento a Parigi giovedì e… guardo le mail sul telefono come sempre e vedo che siamo stati convocati dal Tribunale dei Minori.

Prima volta, mai successo.

Chiedo all’Assistente Sociale se sa perchè. Mi diche che non sa, ma che forse, si, al telefono le hanno accennato che stanno valutando la possiblità di fare un’adozione speciale invece di rinnovare l’affido.

E il mio cuore fa bum.

Lo so che questo non è più un affido da tanto tempo, che si sono perse le finalità e le modalità dell’affido, e che ormai Paoling è nostra figlia da tempo.
Però ci sono sempre gli assistenti sociali, i documenti strani che non vanno mai bene, i permessi da chiedere per viaggiare, l’idea che comunque siamo provvisori, direi… definitivamente provvisori.

Non credevo mi avrebbe fatto questo effetto. Ma me lo fa.

Appuntamento in tribunale a fine ottobre. Vedremo che succede.

Mesdames et messieurs, eccoci arrivati al primo giorno di scuola media di Paoling. O meglio, all’entrata in Sixième, la prima classe del college francese, che durerà 4 anni in tutto.

Qui da noi hanno deciso di anticipare per gli allievi di Sixième il rientro a scuola di una settimana, in modo da farli conoscere, far loro scoprire la scuola e la città (nel pomeriggio faranno sport, andranno a musei e gite).

La nostra Paoling, tutta emozionata, è prontissima. Stasera ha preparato cartella, vestiti, parlava a macchinetta, ha messo almeno 3 sveglie, e si è messa a letto prestissimo.

E io sono qua, a pensare a questi ultimi mesi di trasferimento, passati velocissimi tra malinconie, lavori faticosissimi nella nuova casa (e lei ha partecipato alla grandissima), momenti di preadolescenza feroce, assestamenti, grandi slanci, scoperta di cibi nuovi (vi ricordate vero che Paoling la secca è golosa pazza di dolci?), cinema in francese, nuove conoscenze, corso di pattini a rotelle, visite di amici, viaggio per celebrare compleanno del Principe e 5 anni di Paoling con noi, ancora gelosie e scenate, grandi riconciliazioni, tanti sorrisi e gli occhi di questa piccola grande fanciulla che anche quando ha paura è sempre capace di affrontare la vita.

Ci sono stati in questi mesi momenti esaltanti e divertenti (vederla affrontare l’esame a scuola per vedere il suo livello di francese e matematica, tutta seria e concentrata, piccola e grandissima allo stesso tempo,  o andare dal suo amico Andrè che fa crepes ineguagliabili in un vecchio locale del centro e che alla seconda volta che la vedeva mangiare di fila due crepes al miele ha deciso che lei era la sua “pulce” e ora ci chiede notizie di tutto ogni volta) ma anche grandi paure.

Per alcune cose mi è sembrato di tornare indietro ai primi mesi, proprio quelli descritti qui, quando dovevo pazientemente tessere tutti i ponti su cui far camminare questa fanciulla testarda e impaurita, e ogni tanto ho avuto paura di averle questa volta chiesto troppo. E questo succede perché anche io sono stanca e un po’ spaventata, anche io ho cambiato la mia vita tutto d’un botto, decidendo di non fare più il dirigente di multinazionale ma prendendomi una pausa per capire cosa voglio, pausa che per ora ho usato dipingendo muri e recuperando vecchi pavimenti, senza tregua e senza vacanze. E così ogni tanto mi sono sentita sopraffatta, ho pensato che non era giusto scombinare ancora una volta la vita di questa mia piccola, che già ha fatto tanti cambiamenti.

Però i momenti di stanchezza passano, e quando passano mi ricordo chi è lei, mi ricordo cosa ho imparato a conoscere di questo piccolo portento, così insicura e fragile e fortissima e allegra, con una capacità di mangiare la vita a morsi che viene da un fuoco che ha dentro di se. A Paoling va data strada da macinare, vanno date nuvole sopra cui volare, opportunità, altri luoghi, persone, perché lei è fatta così, ha paura ma va avanti, impara, cresce.

E’ così che ho imparato come farla volare. Ed è stato strano, sapete, perché io, secchiona da sempre, avevo sempre pensato a dei figli da tirare su tra libri, documentari e musei. E con lei funziona tutto al contrario, va stimolata ma in modi diversi,  alla fine si arriva ai libri, documentari e ai musei, perché lei ha sete di tutto, ma in un modo così diverso da come immaginavo.

E quindi viva Paoling che domani va a scuola in francese. E che come sempre saprà incantare chi incontrerà con i suoi occhi dolci e la sua grandissima fame di vita.

2015-06-06 14.40.29

Per i veri fans di Paoling: eccola, qualche giorno fa, alla sua partenza.

Riassunto delle puntate precedenti: nel 2010 arriva Paoling. Era estate, lei era una bimbetta di 5 anni e mezzo, una nanetta un po’ insolente e iperattiva.

Adesso Paoling è 1 metro e 40 di grazia preadolescenziale, sempre in movimento e piena di idee, sorridente e bellissima.

Nel frattempo sono successe, non necessariamente in questo ordine, molte cose importanti nelle nostre vite: il Principe e Treorme non stanno più insieme, Paoling ha  fatto gli ultimi due anni delle scuole elementari a 800 km dalla vecchia casa, quella con i cani e la piscina e la nonna che abita vicino.

E adesso?

Adesso partiamo per la Francia.

Ufficialmente decisione di lavoro (il lavoro poi è andato diversamente, ma questa è la storia di Treorme e qui parliamo di Paoling), in realtà mix tra importanti cose personali e voglia di avventura, io e Paoling abbiamo deciso di andare in Francia.

Abbiamo deciso, abbiamo venduto la vecchia casa, quella con i cani, la piscina e la nonna che abita vicino, abbiamo ottenuto un permesso speciale del giudice di Paoling e dei servizi sociali, abbiamo comprato una nuova casetta tutta da dipingere e rendere nostra, abbiamo salutato con molte lacrime gli amici e i compagni di classe, abbiamo organizzato il trasloco, organizzato tutto col Principe per vederci spesso, telefonarci sempre e volerci sempre bene e…

Siamo (quasi) partite!

Paoling è in villeggiatura tra la nonna, il Principe e il suo amico Bombolo fino ad inizio luglio e poi andremo.

Nel frattempo, il prossimo martedì saremo in Francia per fare un esame di francese a scuola che servirà a stabilire a quante ore di francese lingua straniera avrà diritto l’anno prossimo.

Quindi la mia coraggiosissima Paoling farà la prima media in una nuova città, con molti amici nuovi e una nuova lingua.

E non dimentichiamo il nuoto sincronizzato! Ma di questo vi racconto un’altra volta.

Ed eccoci qua. Lei è elettrizzata, un po’ preoccupata, come sempre molto coraggiosa. E’ strano perchè tra me e lei funziona proprio così: lei si fida e sa che insieme possiamo fare tutto. E per me lei è la compagna di avventure migliore del mondo.

E adesso via, ci aspetta l’adolescenza, la nuova lingua, le insicurezze di un nuovo mondo, i momenti in cui ci verrà voglia di tornare indietro. Ma noi siamo Paoling e Treorme, chi ci ferma? 🙂

Lo so che avevo promesso di raccontare la storia delle future avventure francesi della nostra Paoling, ma per fare questo dovrei raccontarvi un bel po’ di cose di Treorme, e qui non sono ancora pronta… Ma ci arriverò…

Però per chi ama Paoling oggi è un giorno interessante perchè la nostra ineffabile pollastra era eccitatissima, su di giri, piena di entusiasmo per il meraviglioso campo scuola che l’attende domani. Gita di tre giorni in Toscana, partenza all’alba, valigia pienissima e pranzo al sacco del primo giorno che basterebbe per un esercito. Ma soprattutto: le stanze!

“Mamma sono in camera con le mie due migliori amiche!!! B. porta la battaglia navale, io le carte da Uno, e devo portare assolutamente delle schifezze da mangiare la prima notte”.

Quando è entusiasta così Paoling fa la mossa che io chiamo “della lucertola”: con la bocca aperta tira fuori la lingua appuntita e la fa roteare.

Fa ridere la mia befana quando è così. E mi ricorda che è bello vederla leggera e su di giri per una delle normali bellissime avventure della sua vita.

Oggi è un giorno importante per noi.
Oggi vendiamo la nostra casa rossa. La prima vera casa di Paoling, quella in cui è entrata quasi 5 anni fa con gli occhi sgranati, la prima in cui ha avuto un letto vero tutto suo, quella in cui ha invitato gli amici e fatto i bagni in piscina.

Da più di due anni non abitiamo più li, anche il Principe ha cambiato casa, ed era il momento di vendere. Ci abiterà una famiglia che conosciamo, con due bambini che, come Paoling, correranno in giardino, si tufferanno, giocheranno a nascondino.

Fa impressione però. Per me sono tanti anni e tante cose. Per Paoling la prima casa.

Ma il futuro?

Il futuro è avventuroso per me e la mia piccola Paoling: alla fine della scuola (ormai lei fa la quinta elementare) andremo a vivere in Francia.

Ma questa è un’altra storia, e ve la racconto un’altra volta.

Ieri sera io e Paoling abbiamo letto, insieme, i post su di lei del luglio 2010. Di quando aspettavamo di vederla, di quando l’abbiamo finalmente incontrata, della prima volta in cui è venuta a casa. Abbiamo letto tutto con le lacrime. Ho sempre saputo che l’avremmo fatto insieme, e so che insieme leggeremo e rileggeremo la sua storia tante volte.

Oggi era l’8 Marzo. Tra tante, tantissime parole, stasera penso solo alla mia bambina che dorme, e penso che per me l’8 Marzo sia lei. E la donna che era destinata a diventare, e quella che invece riuscirà ad essere.

Ha compiuto da pochi giorni i suoi 10 anni, quella pollastra che chiamiamo Paoling. Lunga, secca, con gli occhi neri e luminosi, Paoling si avvicina a grandi passi verso la sua (pre)adolescenza. Ma è ancora una bimba quando si emoziona e dice, con la faccia strana che mi fa sempre ridere: “E’ tanto che aspettavo questo momento”.

Perchè Paoling adesso va finalmente a Parigi. A Parigi!!!! Ha avuto il permesso dei servizi sociali e domani io e lei voleremo verso l’aeroporto Charles de Gaulle, prenderemo un taxi, alloggeremo in un bellissimo hotel nella zona del Pantheon, e inizieremo la nostra esplorazione della città.

Domenica sera, il clou della visita per lei: saliremo sulla Tour Eiffel e lei andrà a fare la pipì nel piccolo bagnetto sulla sommità della torre. Eh beh, Paoling è appassionata di bagni pubblici, che vi devo dire?

Paoling va a Parigi amici miei, ma la cosa più importante è che ci va da bambina felice. Ci va da bambina le cui maestre hanno detto al Principe, nel colloquio di ieri pomeriggio, che è rispettosa delle regole e molto comunicativa, che racconta emozioni e cose della sua vita.

Paoling va a Parigi e salirà in alto, e guarderà la città luminosa ai suoi piedi.

E mi dispiace che non potrete vedere la sua faccia in quel momento, perchè io, a Parigi, ci andrò solo per vedere quella.

Oggi è il 6 agosto. Il compleanno del Principe ed il quarto compleanno dell’arrivo di Paoling da noi.

Io e Paoling festeggiamo perché ieri sera abbiamo trovato una nuova casa. Aspettiamo il Principe nel weekend per festeggiare con lui.

Paoling aspetta con ansia il sesto “compleanno” con noi, perché così, dice, sarà più il tempo passato con la nostra famiglia che senza.

La guardo adesso, mentre siamo nel mio ufficio e lei disegna abiti su un foglio nel tavolo da riunioni. E’ sempre più bella, lunga, secca, con gli occhi luminosi e un viso dolcissimo. E’ terribile, Paoling, e ogni volta che incontra qualcuno lo conquista all’istante.

Ho in mente una delle sue prime foto, tutta piccola ed emozionata vicino al tavolino con accanto il MisterBrown, terribile cagnetto piscione, con i capelli arruffati e i suoi occhi nascosti.

Ricordo anche la prima cosa che ho scritto di lei.”Gli occhi neri più belli del mondo”

Solo che non sapevo ancora quanto fossero belli.

Diritti

Non esiste il diritto di una coppia ad avere un bambino, esiste il diritto di ogni bambino di avere una famiglia.

Tre orme sulla sabbia…

... Qui proveremo a parlare di quando alle orme del bambino che cammina lungo la spiaggia della sua vita e a quelle della sua famiglia biologica si affiancano le impronte di un’altra famiglia che, per un tempo indefinibile all’inizio, percorre il tragitto insieme a loro...

... Noi vogliamo provare ad esserci, senza prendere il posto di nessuno e senza prendere in braccio nessuno. Vogliamo offrire il braccio ad ogni passo, con la pioggia o con il sole...

Libri per saperne di più

E.De Rienzo, C.Saccoccio, F.Tonizzo, Una famiglia in più, UTET, 2004

C.Forcolin, Mamma non mamma, Marsilio, 2007

C.Forcolin, Io non posso proteggerti, Franco Angeli, 2009

Articoli precedenti