Paoling continua il suo percorso, che diventa sempre più sereno.
A casa le cose vanno bene, la bella stagione ha fatto tornare la bicicletta e il caschetto, e si ricominciano ad organizzare picnic.

Mercoledì a scuola, però, Paoling ha lanciato un quaderno in testa alla bidella, la gentilissima bidella che sempre l’aiuta, perchè non voleva obbedire al comando di mettere un quaderno in cartella.

Siccome non c’erano insegnanti in quel momento (era praticamente all’uscita) nessuno lo sapeva e quindi Paoling è uscita tutta allegra facendo finta di niente.

La mattina dopo all’ingresso a scuola la maestra mi racconta l’accaduto: ci mettiamo d’accordo che avrebbe messo una nota a Paoling. L’idea è vedere se Paoling riesce a raccontarmi di questa sua intemperanza, se riesce a fidarsi e ad evitare l’impulso che lei ha sempre di fingere che nulla sia successo.

All’uscita le chiedo come è andata la giornata, e lei mi dice “Male, ho preso una nota”. Dentro di me gioisco. Vuoi vedere che riusciamo ad utilizzare questo episodio (che comunque è grave) per continuare un percorso di sincerità.

Ma poi continua: “ho preso una nota perchè mentre ritiravo il quaderno di musica ieri la bidella si è messa in mezzo e le è finito sulla testa, ma non l’ho fatto apposta, è la maestra che è bugiarda”.

Leggiamo la nota insieme: “Paoling ha lanciato il quaderno di musica in testa alla bidella”.

Lei continua: “Non è vero, non l’ho fatto apposta”.

Quanto è dura, Paoling!

Voglio farti capire che qualsiasi cosa tu abbia combinato, se me la racconti è meglio.

Devo riuscirci in questi anni, perchè quando sarai adolescente voglio che tu cerchi il mio di appoggio e non quello, ad esempio, di tua sorella, che tra 4 anni sarà maggiorenne e sarà una spalla fragile per le tue trasgressioni.

Devi capire che qualsiasi cosa, dalla stupidaggine alla cosa grave, è meglio se risolta e condivisa con me.

E per questo Paoling, se tu mi avessi detto la verità, sarebbe bastata la punizione della maestra (due giorni senza intervallo), ma così devo aggiungerci la mia: non andrai a casa della tua amica, invito che aspettavi da tempo.

Che fatica, Paoling!

Annunci