Questa mattina ho parlato con la Magrina (psicologa) e la Biondina (Assistente Sociale).

Con la Magrina ho parlato poco, contrariamente al solito, ero tanto tesa e insieme a lei c’era l’educatrice che era presente Venerdì, che chiameremo Nora, che stava raccontandole la cosa, ovviamente minimizzando.

La Biondina invece non sapeva ancora nulla, le ho raccontato io, e con lei il discorso è stato lungo e ha toccato tutti i punti. Mi ha dato il numero della caposervizio che posso chiamare in qualsiasi momento per necessità importanti, mi ha tranquillizzato, e mi ha detto che cercheranno di capire ora cosa fare.

Senz’altro, come dice lei, è significativo purtroppo in modo negativo il comportamento della mamma, e questo è il dato peggiore, anche se la leggerezza di certe scelte degli educatori era davvero evitabile.

Parlare con loro mi ha calmato, e mi ha confermato che ho di fronte persone di cui mi fido davvero, e che fanno il loro lavoro con impegno e coscienza. E questo non è affatto poco.

Paoling oggi era allegra, casinista come al solito ma con gli occhi felici.

Abbiamo giocato, fatto merenda, poi siamo andati a comprare delle meravigliose scarpette invernali e a giocare un po’ a casa della mia mamma, dove abbiamo cenato.

Sul finale di serata il Principe l’ha giustamente sgridata perchè ha pestato la zampa al cane di mia mamma, spiegandole in modo molto fermo i rischi che si corrono con i cani.

Il rimprovero era giustissimo, e anche il modo, ma il momento forse no: io di solito evito di sgridarla in modo severo prima di andare a dormire, perchè questo le porta sempre malinconia dalla quale viene fuori con un “voglio la mamma” che è un po’ un escamotage e un po’ un modo di manifestare una tristezza anche passeggera.

Ed infatti anche stasera è arrivato il “Voglio la mamma”, mentre si lavava e faceva i capricci dopo il rimprovero del Principe.

Ho provato a non seguirlo troppo, a minimizzare e a portarla a vedere i cartoni. Dopo poco rideva tranquilla, e prima di andare a dormire abbiamo avuto un altro dei nostri momenti dolci.

Ma questo ve lo racconto domani.

Annunci