Paoling è una secchiona. E questo si sapeva.

Ogni giorno quando esce da scuola chiedo alla maestra, col gesto del pollice, se è andata bene o no.

La mia domanda è sul comportamento, sulla capacità di stare con gli altri, sulle cose di cui abbiamo parlato all’incontro preliminare.

Ed ogni giorno la sua maestra dallo sguardo intelligente e dal piglio deciso ma simpatico mi risponde alzando non uno, ma due pollici.

Ecco, in questi giorni mi viene da fare questo gesto per spiegare la situazione di questa nostra famiglia. Due pollici su per la nanetta intraprendente che esce da scuola volandomi in braccio, che contratta minuti di cartoni animati col Principe la sera, che nomina mille volte al giorno un bimbo di quinta che evidentemente le piace (qui mi fa una tenerezza incredibile), che sale le scale di casa di corsa con le amiche che sono venute a trovarla, orgogliosa di mostrare le sue cose e i suoi cani, che sorride e ti abbraccia, che fa i capricci ma poi molla.

Mi piace questa marmocchia, mi piace. Pollice in su, due pollici in su.

Annunci