Avevo detto che avrei scritto tutto quello che mi passava per la mente, che avrei provato a descrivere l’affido dall’interno.

E ora tocca al mio lato più buio, quello che mi sta preoccupando un po’.

Le cose stanno andando bene, e Paoling è dolcissima, affettuosa, spiritosa, sempre piena di idee e di sorprese. Sta cercando di capire come convivere tutti insieme, e sta accettando le regole con una rapidità notevole. I nostri scontri per la testardaggine ormai sono rarissimi, e lei è una presenza della casa che sinceramente sembra ormai imprescindibile.

E allora?

E allora io mi sento “fredda”. Mi diverto con lei, rido, scherzo, la coccolo, la sgrido, penso a lei in tutti i modi e ragiono su cosa fare in ogni circostanza. Ma mi sento “fredda”.

Il caldo dolore al cuore che ho provato, e che provo, pensando a S. e M., non c’è.

La tenerezza che ho con il mio amico Bombolo, è diversa.

La sento mia questa bimba, e le voglio bene, ma non credevo che sarei stata così in difficoltà al lasciarmi conquistare del tutto, al farmi travolgere.

Sarà una difesa perchè so che potrebbe andare via? Sarà un modo per mantenermi lucida nel fare quello che è meglio per lei?

Non lo so, ma a me fa venire dei bei sensi di colpa.

Annunci