Eccoci qua.

Ieri abbiamo conosciuto i servizi sociali di Paoling: l’assistente sociale, dalla voce un po’ stridula ma dall’aspetto dolce nei suoi colori un po’ nordici, e la psicologa, bruna, magrissima e dai modi decisi ma cortesi, che ci ha davvero conquistato. Accanto a noi, ai lati, come due veri angeli custodi, la Fatina silenziosa e molto sportiva, che sembrava ancora più giovane, ed una Cavallona in forma smagliante, bellissima in una gonna corta che faceva risaltare le sue proporzioni slanciatissime.

Anche ieri, come è sempre con loro, l’atmosfera era positiva al massimo, e l’incontro è stato un vero momento di accoglienza per noi. Ci hanno raccontato la storia di Paoling, della mamma e della sorella, ci hanno parlato di lei, solare e vivacissima, una bimba intelligente e con tanto bisogno di amore e di attenzioni, di giochi creativi e di un sostegno, di essere accompagnata e di imparare cos’è davvero una mamma, e cos’è un papà (il suo non l’ha mai conosciuto).

Ora aspetteremo che lei torni dal soggiorno al mare con la comunità, nel frattempo i servizi riparleranno con la mamma e poi spiegheranno anche a Paoling che andrà in affido.

Noi, intanto, la aspettiamo, con una gioia che cresce, e dei sentimenti che prima avevo solo immaginato e che stanno diventando sempre più forti… tanto da turbare un po’ le notti, che sono un po’ agitate.

Insomma, ci siamo.

PS: metto la foto del divano di Paoling, l’angolo del salotto tutto per lei.

Annunci