Mi accorgo che non mi fido più di tanto di me, e continuamente quando escono le emozioni (ed escono fuori come mille diverse eruzioni vulcaniche, in forma di lava lenta o esplosioni fumanti di lapilli) dopo un po’ torno sul luogo dell’eruzione con un vulcanologo un po’ malfidante e mi metto a raccogliere reperti per capire composizione chimica e modalità di risveglio dell’attività vulcanica. Non dico che sia sbagliato, i vulcani sono roba pericolosa oltre che spettacolari, e non possiamo mica solo goderci lo spettacolo noncuranti dei rischi.

Il pericolo, dice il luminare, è il non essere capaci di aiutare questi bimbi per quello che serve loro, e che si tenda, affezionandosi, a cercare di collocarli al posto di figli che non si hanno.

Con grande sollievo posso dire che lo studioso scettico ha sempre torto ultimamente. Ma diamogli il beneficio del dubbio e proviamo a dare uno sguardo ai suoi reperti.

Domenica, ore 18.00. Un freddo terribile, tutti rientriamo dopo lo spettacolo di Natale verso la comunità. In cima alla salita, un po’ di fiatone, la bimba più piccola, M., è per mano a me e al Principe, e la sorella, S. viene a mettersi tra me e la piccolina. Tutti insieme continuiamo a camminare, loro saltellano contando i passi. Guardandoci si sarebbe detto che eravamo una famiglia.

Ed ecco che gli strumenti del vulcanologo schizzano a livelli di guardia. Eh, allora ecco che vuoi mettere le bimbe nel tuo quadretto ideale! Ma guarda bene, testa d’uovo dei miei stivali: guarda il desiderio che abbiamo, nel cuore, sia io che il Principe. Parla di una famiglia vera per le due piccole, di qualcosa di definitivo come l’adozione. E quella non c’entra con noi.

Si ma, risponde lui, se poteste prendere in affido le due fanciulle lo fareste al volo!

Certo, è ovvio, gli dico un po’ arrabbiata, ma se mi dicessero che domani possono andare in affido in un’altra famiglia sarei felice per loro perchè penso che di questo abbiano bisogno.

Il vulcanologo è sconfitto, perchè sa che è così. E sa anche che gli abbiamo tagliato i fondi per la ricerca. Ci prenderemo le eruzioni vulcaniche e tutti i rischi connessi, e lui verrà mandato a pontificare altrove.

Annunci